Contabilità economico – patrimoniale (C.E.P.): novità in arrivo per i piccoli enti

Con una modifica inaspettata, introdotta all’ultima ora nella legge di conversione, che ha saputo vincere le resistenze del Mef, il decreto fiscale collegato alla Manovra di bilancio per il 2020 (decreto legge n. 124 del 26/10/2019, convertito con modificazioni con legge n. 157 del 19/12/2019) ha modificato il testo dell’art. 232 del TUEL. Esso, come noto, prevede e disciplina la rilevazione dei fatti gestionali sotto il profilo economico-patrimoniale. Secondo il nuovo testo della norma, l’adozione della C.E.P. da parte degli enti con popolazione inferiore a 5.000 abitanti diviene definitivamente facoltativo. Per quegli enti locali che, avvalendosi di detta facoltà decidono di non tenere la C.E.P., permane il solo obbligo di redigere annualmente la situazione economico-patrimoniale al 31 dicembre dell’anno precedente secondo la modalità semplificata prevista dal decreto del M.E.F. del 11 novembre scorso. La situazione dovrà essere poi allegata alla deliberazione consiliare di approvazione del rendiconto di esercizio da approvarsi entro il 30 aprile dell’anno successivo.

Vuoi un supporto per realizzare questa attività?

Scopri i nostri servizi

Vuoi approfondire questo tema?

Scopri i nostri corsi